Geografia Turchia

Geografia della TurchiaLa Turchia presenta una geografia molto varia, nonostante la caratteristica più tipica sia il territorio montuoso. I confini sono molto interessanti e caratterizzano ancora una volta quella che poi è diventata la cultura della nazione: Mar Nero (nord-est), Bulgaria (nord), Grecia (nord), Mare Egeo (nord-ovest, ovest, sud-ovest), Siria, Iraq e Iran (sud), Armenia e Georgia (est).

Il territorio, grande due volte e mezzo l'Italia, si adagia sul continente euro-asiatico, quasi come un istmo che dall'Asia si rivolge verso l'Europa (caratteristica questa che ha plasmato la storia del paese sin dalle origini). Per tradizione, si usa suddividere la nazione in due regioni geografiche: Anatolia (rivolta verso l'Asia) e la Tracia, la porzione europea della Turchia geografica. Sono le catene montuose del Tauro e le montagne del Ponto a racchiudere l'altopiano anatolico, catene queste caratterizzate da una giovane età e tali da risultare ancora geologicamente  instabili. Ne consegue una vasta natura tettonica del territorio, atta a provocare terremoti. Il monte più alto della Turchia è il Monte Arat con 5167 metri d'altezza (noto anche per la mitica Arca di Noè).

L'area più fertile del paese è di certo rappresentata dalla pianura della Mesopotamia, dove vi trovano confluenza i mitici fiumi della Persia (Tigri ed Eufrate). La zona costiera della Turchia è nota ai molti, splendide spiagge si accompagnano a piccole calette ricche di vegetazione. Sono presenti circa 160 piccole isole in Turchia, in genere non abitate. Le coste del Mare Egeo sono note per i numerosi resort vacanza presenti, quelle del Mar Nero sono invece poco conosciute nonostante l'incomparabile bellezza paesaggistica.

L'idrografia è prevalente in quasi tutto il territorio, concentrata verso oriente, dove troviamo i maggiori fiumi, il Kizilirmak, Sakarya, Tigri (Dicle) e l'Eufrate (Firat),  Meriç, Ergene e il Gediz. Al confine con la Siria troviamo il fiume Asi (il mitico fiume Oronte, così tanto richiamato nelle antiche narrazioni).

In generale, i fiumi della Turchia non sono navigabili; è anche interessante notare come il nome dei fiumi sia associato a dei colori (tra i tanti si cita Aksu, fiume bianco) o ad avvenimenti di tempi passati (Cehennemdere, fiume inferno). Due i laghi maggiori della Turchia: il lago di Van, situato in una sorta di caldera terrestre, con un panorama paesaggistico e storico tra i più interessanti del paese (vedi in particolare Regno di Urartu, esistito tra IX e il V secolo a.C.) e con una superficie di 3713 km² e una profondità di 100 metri; il lago Tuz, un lago salato, situato nell'Anatolia centrale, non molto lontano da Ankara. Diversi i laghi artificiali presenti, costruiti per ragioni energetiche ed agricole, ne fa parte anche il grande progetto della diga di Atatürk.

Argomenti più letti

Voli economici per l'Olanda seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...